Come si spiega la differenza tra deficit delle partite correnti e deficit fiscale a qualcuno che non ha esperienza in economia?


Risposta 1:

Il disavanzo delle partite correnti indica che il valore delle importazioni di beni / servizi / redditi da investimenti è superiore al valore delle esportazioni. In altre parole, il valore dell'importazione è maggiore del valore delle merci esportate. Viene anche chiamato deficit commerciale.

Deficit fiscale

La differenza tra entrate totali (entrate) e spese totali del governo è chiamata deficit fiscale. È un'indicazione del totale dei prestiti necessari al governo. Durante il calcolo delle entrate totali, i prestiti non sono inclusi. fonte


Risposta 2:

Il disavanzo delle partite correnti si verifica in modo semplice quando le importazioni sono superiori alle esportazioni, determinando quindi un disavanzo commerciale che rappresenta vendite nette negative all'estero a favore dei laici. Poiché le importazioni generano vendite nette negative e la bilancia commerciale è la componente principale del conto corrente, quindi le importazioni nette negative sono sempre associate al CAD.

D'altro canto, il disavanzo fiscale si verifica quando le spese sostenute dal governo diventano maggiori delle entrate riscosse dal governo.


Risposta 3:

DEFICIT FISCALE è rupie create a costo zero. Sono i soldi dell'India. Non c'è debito in questi soldi. Il governo può finanziare tutto ciò che gli piace con questi soldi, anche regalare istruzione gratuita, pensioni gratuite, assistenza sanitaria gratuita ecc. A tutti.

I deficit commerciali sono in valuta estera, per esempio $. Devono essere guadagnati o presi in prestito e negoziati i pagamenti del debito. Non puoi esagerare. È la vita di un debitore.

L'India ha il pieno controllo delle rupie e nessuna su $. Nella bilancia del denaro, i due interagiscono come in

DEFICIT FISCALE - DEFICIT COMMERCIALE = RISPARMIO NETTO PRIVATO

rosso = blu + verde.

Naturalmente il rosso deve superare il verde perché esista un blu robusto. Il blu non deve diventare negativo.

Inoltre, la banca ha creato una riserva frazionaria. Il denaro e le tasse orizzontali non sono coinvolti nel bilancio monetario nazionale. L'IT ha ragione a chiamare le tasse federali TRASH perché è quello che sono per un creatore di denaro. La solita definizione,

La spesa governativa = deficit fiscale - imposta = (deficit fiscale - entrate) è errata. Non sono entrate ma TRASH. Le tasse riducono il PIL.

PIL = (deficit fiscale-0) + spesa non federale + esportazioni nette

= deficit fiscale + K (deficit fiscale - imposta) + esportazioni nette; K è circa 4 per gli Stati Uniti.

= 5 deficit fiscale -4 imposta federale + esportazioni nette.


Risposta 4:

Come la contabilità finanziaria delle aziende. i fidanzati del governo sono segnalati attraverso il bilancio, i conti delle entrate e delle spese nazionali e la partecipazione al mercato estero attraverso il conto della bilancia dei pagamenti.

Nel bilancio, i programmi governativi sono finanziati attraverso le entrate statali raccolte attraverso le tasse, personali e societarie come imposte dirette e indirette come imposte sulle vendite, accise, cess, ecc .;

Il deficit fiscale è il deficit che si manifesta nella differenza tra il programma di spesa pubblica per l'anno e le imposte riscosse.

Il conto della bilancia dei pagamenti è suddiviso in due parti. Uno è il conto corrente, che è il conto di tutti i beni e servizi negoziati con nazioni straniere, rimesse dall'estero, turismo, rimpatrio in dollari di lavoratori che lavorano all'estero. Questo ha sia lato debito che credito. Se il lato credito è inferiore al lato debito, si dice che esiste un deficit di conto corrente per il conto della bilancia dei pagamenti.

L'altro lato di questo conto del mercato estero è il conto capitale, poiché la domanda non lo ha, lascio quella parte. Anche se posso dire che il conto capitale viene utilizzato per finanziare il conto corrente e se vi è un deficit, il saldo complessivo del conto della bilancia dei pagamenti è inclinato verso il deficit della bilancia dei pagamenti.